Volkswagen a Saronno
con 'Pirola F. & Figli'

Sono relazioni tutte da costruire quelle tra concessionaria Volkswagen 'Pirola F. & Figli' e i potenziali clienti di Saronno. Alessandra Pirola, volto e voce dell'azienda di famiglia di cui è amministratore delegato e contitolare insieme alla sorella Francesca e al padre Gabriele, è pronta a posare il primo mattone. L'ha già fatto, a dire il vero, lo scorso 21 settembre, inaugurando con tutti i crismi una realtà operativa da mesi.

Che cosa vi ha fatto rompere gli indugi?
A maggio abbiamo aperto come vendita ma stiamo attendendo l’autorizzazione dall'importatore di Verona per la parte service. Settembre ci è sembrato il mese migliore per presentarci alla città di Saronno, mettendo fine a un'attesa che rischiava di protrarsi troppo a lungo.
È stata una serata... inaspettata, con un buon riscontro non tanto o non solo in termini di rappresentanza ma di partecipazione. Abbiamo davvero rotto il ghiaccio.

Da Desio e Monza, dove da quasi 75 anni Pirola rappresenta Volkswagen (e Audi) a Saronno...
Sono almeno quattro, cinque anni che a Saronno mancava un concessionario Volkswagen, nonostante il circolante importante. Quando da Verona ci hanno dato qualche numero - e pur sapendo che non è una piazza facile - ci siamo detti che le opportunità c'erano. Certo, in Brianza ci conoscono da quasi 75 anni mentre a Saronno le relazioni sono tutte da creare, ma noi ci crediamo. Il nostro obiettivo è di superare aspettative già alte in partenza.

Il tocco Pirola?
La forte volontà di distinguersi. Abbiamo individuato dei capannoni incompiuti lungo una strada di grande scorrimento, Viale Lombardia, e deciso di acquistarli progettando gli spazi ex novo. Verona definisce gli standard, marca di mobili compresa, ci si può sbizzarrire poco. Noi abbiamo cercato di rispettare l'idea Volkswagen che guarda a un prossimo futuro meno tradizionale.

Detto in altre parole, non una concessionaria tradizionale ma un digital store?
Esattamente. Chi varca la soglia noterà subito i 'tavoli digitali' che permettono di iniziare a configurare l’auto prima di parlare con il venditore. Venditore che riceverà il 'progetto' del cliente sul proprio tablet e saprà già come approcciarlo.
E poi abbiamo una risorsa extra: non la solita receptionist all'accoglienza ma una giovane professionista che risponde alle telefonate e si rende parte attiva nella vendita. È un primo filtro che accompagna il cliente in una nuova dimensione.

Che cos'è Saronno per la famiglia Pirola?
La sede principale resta Desio, dove siamo presenti anche con il marchio Audi e dove copriamo tutte le esigenze di vendita e di service. Saronno è un punto vendita aggiuntivo sul quale abbiamo fatto un investimento cospicuo e per il quale facciamo progetti a lungo termine.
All'inaugurazione, il sindaco ha sottolineato che "in un momento in cui si assiste alla crisi che ha messo a dura prova tutti, chi prima chi dopo, avere imprenditori che hanno ancora la voglia di investire e di rimettersi in gioco su una piazza che non conoscono dà lustro alla città".

Lustro e lavoro...
La squadra conta due venditori, tre con la nuova figura che presidia lo showroom, e cinque persone nel service.
Abbiamo anche un magazzino per i ricambi di alta movimentazione.

E per gli altri?
Gli autoriparatori della zona, 'orfani' di Volkswagen, fanno riferimento al magazzino centrale di Desio. Con la logistica perfetta di Doc i trasferimenti interni Desio-Saronno non sono un problema. Se il ricambio è presente in magazzino, in 24 ore arriverà a domicilio dell'officina o della carrozzeria.

La serata inaugurale in immagini.

  • Da Ania-Polstrada i kit 'Street control'
    14 dicembre 2018 - Il 6,3 per cento del totale veicoli, con punte del 10 nel sud Italia, circola senza essere assicurato. È il dato allarmante - che riguarda 2,8 milioni di vetture - emerso al convegno nazionale 'La sicurezza stradale: tra esigenze di sicurezza, tecniche investigative e tutela amministrativa', organizzato a Cagliari dalla Polstrada. Da qui il protocollo...

  • Auto elettrica: allarme lavoro
    12 dicembre 2018 - Finora si è sempre parlato dei positivi effetti ambientali legati a un passaggio sempre più massiccio alla mobilità elettrica. Qualcuno però ha cominciato ora a considerare anche quali potranno essere le conseguenze per il mondo dell’industria automotive, e in particolare per quel che concerne l’occupazione. Ebbene...

  • Gomme online: ma l'Iva chi la paga?
    10 dicembre 2018 - Se si acquistano online pneumatici eccessivamente a buon mercato, è molto probabile che il venditore abbia evaso l'Iva. Lo rileva un articolo pubblicato sul Sole 24 Ore, a firma di Anna Abagnale e Benedetto Santacroce, che punta il dito su "certe pubblicità che accennano a vendite in regime di esenzione". Una "concorrenza sleale...

I cookie ci aiutano a fornire i nostri servizi. Utilizzando tali servizi, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. Informazioni OK