Alberto Negri, neo consigliere Doc:
"Colleghi, andate sul campo"

"Andare sul campo appena si può. Non far girare il capofficina o i magazzinieri, andarci personalmente". È l'indicazione del neo-consigliere Doc, Alberto Negri, per "fidelizzare gli autoriparatori clienti". Concessionario di lungo corso (Renzo Negri snc, concessionaria Suzuki di cui è socio amministratore con il fratello Michele, la zia Maria Adele e lo zio Antonio, è una delle imprese storiche di Lecco, fondata nel 1933 dal nonno Renzo), Alberto Negri sa di cosa parla: "L'assistenza, prima ancora dei ricambi, è sempre stata il nostro punto di forza".

Ieri come oggi?
Mio zio, che è del 1937, lavora nell'azienda di famiglia da sempre ed è ancora operativo, salta come un grillo, è lui il perno dell’assistenza. I nostri punti di forza sono l’officina meccanica, la carrozzeria, il servizio pneumatici, e in seconda battuta i ricambi. Ci contraddistingue la rapidità d'intervento: due ore per un tagliando, pochi minuti per un cambio gomme.

Assistenza e ricambi vanno a braccetto. 'Renzo Negri' è socio della prima ora di Doc...
Siamo entrati nella Doc a venti giorni dalla sua nascita. Abbiamo capito subito che non si poteva stare fuori dal consorzio.
In 'Renzo Negri' io ho sviluppato il servizio ricambi: prendevo gli ordini, facevo il promoter, consegnavo... Il servizio ricambi l’ho incrementato proprio consegnando a domicilio. Dopo, però, ho dovuto occuparmi della vendita delle auto, capivo che non riuscivo a fare tutto, e quando è nata la Doc...

...ha risolto il problema. A distanza di oltre dieci anni, su quali leve crede si debba spingere per fidelizzare il cliente?
Io ho girato personalmente tra i riparatori. Noi concessionari abbiamo le case addosso, che oltre alla vendita dell’auto ci impongono un budget per la vendita dei ricambi.
Fornire i ricambi ai ricambisti è facile, anch'io lo facevo. Ma, da quando c'è la Doc, ho preso la decisione di fornire le officine e le carrozzerie attraverso il consorzio; ho girato in prima persona con Salvatore, Rosario e Yari, promoter splendidi e disponibilissimi.
È andando in giro che mi sono reso conto delle (poche) lacune che aveva la mia concessionaria, ci ho lavorato e sto seminando per poi raccogliere. Il mio obiettivo è fidelizzare il riparatore dandogli il servizio, dandogli supporto qualitativo. Non puoi dire a un riparatore in difficoltà "ah, mah, vediamo, prendi un appuntamento...". Del cliente devi essere partner. Il cliente lo conservi più che con lo sconto con il servizio di consulenza.

Quale sarà il contributo del consigliere Negri al consorzio? Sicuro di volersi mettere a disposizione?
Forse mi sono tirato la zappa sui piedi. Giorgio (Boiani, presidente Doc, NdA) ti pressa e io ho poco tempo, ma conosco il mondo dei ricambi, ho visto alcune cose che andrebbero cambiate, anche tra i concessionari del mio marchio. Il contributo Negri non deve essere personale, alla propria azienda, io penso sempre alla totalità dei concessionari, immagino un gruppo forte, vincente. Per fidelizzare i riparatori indipendenti bisogna andare sul campo appena si può. Non far girare il capofficina, o i magazzinieri, bisogna andarci personalmente.
Io i riparatori li conosco da tempo e loro, tranne gli ultimi affiliati, conoscono me. Ma quando giro, anche se giro da solo, l’impronta che lascio è quella della Doc.

Un ambasciatore più che un consigliere. Le piace il consorzio com'è oggi?
Lo vedo bene, però bisogna combattere per far sì non che si stabilizzi ma che cresca sempre. Anche di poco ma che cresca, proprio come sta facendo.

  • Renault, Nissan e Mitsubishi: si fa sul serio
    18 settembre 2017 - Non è assolutamente un'alleanza di facciata quella tra Renault, Nissan e Mitsuibishi, anzi, tutt'altro. Le tre case automobilistiche che da qualche tempo hanno annunciato di aver unito le proprie forze, rilanciano la validità della propria collaborazione presentando piani di sviluppo industriale di grande entità e lunga gittata. Proprio in...

  • Car sharing: tra il dire e il fare...
    15 settembre 2017 - Un conto è conoscerlo, un altro usarlo. Stiamo parlando del car sharing, servizio noto a otto italiani su dieci ma utilizzato da due. Risulta da uno studio del Monitor Allianz Global Assistance, condotto in collaborazione con l'istituto di ricerca Nextplora, secondo cui solamente il 34 per cento degli intervistati ritiene che l'auto o lo scooter condivisi...

  • Salone di Francoforte: spazio all’elettrico
    13 settembre 2017 - Sarà inaugurato domani dalla Cancelliera Angela Merkel e chiuderà i battenti il 24 settembre il Salone dell'auto di Francoforte. Una kermesse che quest'anno sarà incentrata in maniera specifica sulle vetture ad alimentazione alternativa, e più in particolare sui veicoli elettrici. I costruttori europei puntano infatti sull'auto green e proprio da...

I cookie ci aiutano a fornire i nostri servizi. Utilizzando tali servizi, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. Informazioni OK