Vanni Castoldi, di Automax:
"Doc ci ha abituato a uno standard alto"

"Spiegarlo è un po’ difficile, è stato molto strano...". A che cosa si riferisce Vanni Castoldi di 'Automax'? La risposta è più facile della spiegazione: Cervia, un'altra prima Doc che ha mixato in un weekend riuscito tutta la filiera dei ricambi. Ma torniamo al responsabile di magazzino della concessionaria Opel di Como: "Rispetto alla solita formazione", ha detto, "questa volta si è guardato più al futuro, che è una cosa interessante e che non si fa forse mai abbastanza. È stata particolare anche dal punto di vista tecnico, ma non posso svelare i trucchi".

Li 'svelerà' ai suoi colleghi, ai titolari?
Sì, prima però bisognerà rielaborare, contestualizzare quello che abbiamo sentito, e poi trasferirlo nella maniera corretta, magari trovando degli spunti che non si possono trovare qui, in due giorni.
Il primo passo comunque è iniziare a far capire ai colleghi e ai titolari che a Cervia non c’erano che bisogna guardare al futuro.

In compenso c'erano i clienti...
Le dirò che all’inizio ero un po’ spaventato, perché alla fine le nostre sono riunioni tecniche dove si va a impostare anche il lavoro per vendere di più a questi clienti.
Averli qui è stato interessante e utile. Perché io, come tanti altri, mi ritrovo dieci-dodici ore al giorno a un computer e a un telefono e in faccia non li vedo mai. La parte di empatia con la persona è molto importante, e questi con la Doc sono gli unici momenti in cui riesci ad averla.

A quanti eventi Doc ha partecipato?
Praticamente a tutti. Quando si parla di Doc è sempre una cosa in grande, siamo abituati…

Non si rischia di aspettarsi troppo?
Lo standard è sempre alto, effettivamente, quindi se per una volta non si 'esagera' si rischia di deludere le aspettative. Però tenere un livello alto è sempre tenere un livello alto, anche a costo di rischiare.

Avete 'rischiato' a fare la pasta?
Ma no dai, non era un rischio. Il team building è stato interessante, è stato l’occasione per creare un connubio tra magazziniere e cliente fuori dall’ambito strettamente lavorativo.

È sempre la squadra che conta?
La squadra conta, però alla fine tutti sono stati bravi, noi abbiamo vinto ma è stata fortuna. È stato bello vedere insieme cliente, promoter, magazziniere, titolare, partner, tutti che volevano partecipare e tutti che si sono divertiti.

  • Assistenza, dicembre positivo
    22 gennaio 2019 - Dicembre positivo sul fronte dell'assistenza auto in Italia. Secondo il Barometro elaborato dall’Osservatorio Autopromotec sulla base di inchieste mensili condotte su campioni rappresentativi di officine, la differenza tra la percentuale di autoriparatori che hanno indicato elevato il livello delle attività e quella degli autoriparatori che lo hanno...

  • Italiani: “auto e buoi dei paesi tuoi”
    18 gennaio 2019 - Gli italiani risultano legati al Made in Italy per la scelta della prima auto: è quanto emerge dall'ultima indagine di automobile.it, piattaforma di compravendita di auto usate di proprietà del gruppo eBay. E ci sono differenza tra uomini e donne sulla tempistica degli acquisti. La ricerca, realizzata su un campione di 1.000 intervistati...

  • Carpooling, che passione!
    16 gennaio 2019 - Fare il tragitto casa-lavoro con colleghi e dipendenti di aziende limitrofe, lasciando a casa la propria auto quando non si è 'di turno' alla guida, ha permesso di togliere dalle strade 116.569 auto e di risparmiare 3.120.385 chilometri, un dato cresciuto dell'82 per cento nel 2018 rispetto al 2017. Ne hanno beneficiato, ovviamente, sia il portafoglio...

I cookie ci aiutano a fornire i nostri servizi. Utilizzando tali servizi, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. Informazioni OK