Bi-Motors tutta nuova
in Via ai Campi a Rogeno

"Le macchine sono tutte uguali, un pistone è sempre un pistone". Se Gianfranco Binda voleva rendere l'idea dell'approccio al cliente nella sua 'Bi-Motors' di Rogeno (Lc), ci è riuscito benissimo. Ovviamente le macchine non sono tutte uguali, ma per questo meccanico di lungo corso "una 500 o una Lamborghini meritano lo stesso trattamento". Lo abbiamo conosciuto in pieno trasloco.

Dove se ne sta andando?
Da Via Gramsci 66 a Via ai Campi 5, sempre a Rogeno. La prima sede, di 200 metri quadrati, era il laboratorio da tessitore di mio padre. Siamo rimasti qui dal 1995, da quando ho fondato Bi-Motors dopo 17 anni in una concessionaria Audi-Volkswagen e qualche anno di motorsport, fino a oggi. Il capannone di Via ai Campi è molto più grande: 850 metri quadrati coperti di officina, 100 di uffici, e un piazzale di oltre mille.
Per ora, Via Gramsci è adibita a magazzino e stoccaggio gomme, poi si vedrà. 

Da quando in Via ai Campi?
Dalla prossima settimana. Faremo l'inaugurazione tra una ventina di giorni. Abbiamo mandato duemila inviti, a tutti i nostri clienti e non solo.

Intanto si lavora. Quanto?
2.200-2.300 passaggi all’anno. Oltre a me, e a mia moglie Ester in amministrazione, ci sono un dipendente e i nostri due figli, Matteo che ha iniziato a lavorare nel 2012 e Cristian che l'ha seguito quattro anni dopo, tutti e due dopo aver preso il diploma di perito elettrotecnico.
Siamo officina meccanica (ci occupiamo anche dei cambi automatici), elettrauto e gommisti; facciamo soccorso stradale h 24; per le revisioni siamo consorziati con il centro Le Grigne e anche per i lavori di carrozzeria ci appoggiamo fuori ma smontiamo e rimontiamo noi.
Il cliente è completamente servito. Per noi la cosa più importante è la qualità del servizio.

Nella qualità del servizio mette anche la scelta del ricambio?
E i corsi di aggiornamento che facciamo tutti tutti i mesi. Comunque, la maggior parte sono ricambi originali: per la qualità che a volte è superiore, per il rapporto qualità-prezzo, e perché alcuni ricambi li trovi solo originali! 

E arrivano in officina via Doc?
Da almeno dieci anni. Siamo diventati clienti soprattutto per la rapidità e la comodità della consegna, due volte al giorno. Dopo tanti anni apprezziamo il nostro promoter, Salva (Salvatore Alfinito, NdA), e la professionalità dei magazzinieri, perché lavorando su un marchio specifico sono competenti ed è più facile dialogare con loro.

Quindi tutto bene anche con le concessionarie?
Beh, di qualche concessionaria non sono tanto contento perché sulla parte tecnica non danno informazioni o le danno un po’ così. C’è chi ha detto addirittura: "voi nella mia officina non entrate". Sono casi, per fortuna, ma se mi arrabbio compro da un’altra parte.

Non sembra proprio uno che si arrabbia... Secondo lei perché il cliente sceglie Bi-Motors?
Dicono che hanno fiducia in noi e che siamo trasparenti.

Si comportano tutti bene o ve ne capitano in officina con il pezzo di ricambio in mano?
Pochissimi, saranno un uno per cento. In ogni caso, a parte che la tariffa oraria cambia, se arrivano con un pezzo non di qualità, che non rispetta i nostri standard, diciamo "no, grazie".

  • Bimbi dimenticati in auto? Ti avvisa Tata
    15 ottobre 2018 - Non un vero e proprio seggiolino 'anti-abbandono' - per il quale si sta aspettando l'emanazione del decreto attuativo e della relativa normativa tecnica - ma un cuscino che si annuncia altrettanto efficace. Si chiama Tata ed è un dispositivo hi-tech realizzato dalla startup italiana Filo e presentato alla Maker Faire, la fiera degli artigiani...

  • Commerciali: a settembre crollano vendite
    12 ottobre 2018 - A seguito dei rallentamenti registrati nel mercato dei veicoli commerciali (autocarri con ptt fino a 3,5t) nel corso dell'anno 2018, anche a settembre il mercato dei veicoli da lavoro ha subito un vero e proprio crollo. Secondo le stime elaborate e diffuse dal Centro studi e statistiche Unrae, l'Associazione delle case automobilistiche estere...

  • Più revisioni nel primo semestre
    10 ottobre 2018 - Il numero degli autoveicoli revisionati nel primo semestre del 2018 è stato superiore a quello degli autoveicoli revisionati nello stesso periodo del 2017 (+0,4 per cento). Complessivamente gli italiani hanno speso 1,46 miliardi di euro, duecento milioni più di quanto speso nel primo semestre dell'anno scorso. Nel computo sono compresi i 502,9 milioni...

I cookie ci aiutano a fornire i nostri servizi. Utilizzando tali servizi, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. Informazioni OK