Bi-Motors tutta nuova
in Via ai Campi a Rogeno

"Le macchine sono tutte uguali, un pistone è sempre un pistone". Se Gianfranco Binda voleva rendere l'idea dell'approccio al cliente nella sua 'Bi-Motors' di Rogeno (Lc), ci è riuscito benissimo. Ovviamente le macchine non sono tutte uguali, ma per questo meccanico di lungo corso "una 500 o una Lamborghini meritano lo stesso trattamento". Lo abbiamo conosciuto in pieno trasloco.

Dove se ne sta andando?
Da Via Gramsci 66 a Via ai Campi 5, sempre a Rogeno. La prima sede, di 200 metri quadrati, era il laboratorio da tessitore di mio padre. Siamo rimasti qui dal 1995, da quando ho fondato Bi-Motors dopo 17 anni in una concessionaria Audi-Volkswagen e qualche anno di motorsport, fino a oggi. Il capannone di Via ai Campi è molto più grande: 850 metri quadrati coperti di officina, 100 di uffici, e un piazzale di oltre mille.
Per ora, Via Gramsci è adibita a magazzino e stoccaggio gomme, poi si vedrà. 

Da quando in Via ai Campi?
Dalla prossima settimana. Faremo l'inaugurazione tra una ventina di giorni. Abbiamo mandato duemila inviti, a tutti i nostri clienti e non solo.

Intanto si lavora. Quanto?
2.200-2.300 passaggi all’anno. Oltre a me, e a mia moglie Ester in amministrazione, ci sono un dipendente e i nostri due figli, Matteo che ha iniziato a lavorare nel 2012 e Cristian che l'ha seguito quattro anni dopo, tutti e due dopo aver preso il diploma di perito elettrotecnico.
Siamo officina meccanica (ci occupiamo anche dei cambi automatici), elettrauto e gommisti; facciamo soccorso stradale h 24; per le revisioni siamo consorziati con il centro Le Grigne e anche per i lavori di carrozzeria ci appoggiamo fuori ma smontiamo e rimontiamo noi.
Il cliente è completamente servito. Per noi la cosa più importante è la qualità del servizio.

Nella qualità del servizio mette anche la scelta del ricambio?
E i corsi di aggiornamento che facciamo tutti tutti i mesi. Comunque, la maggior parte sono ricambi originali: per la qualità che a volte è superiore, per il rapporto qualità-prezzo, e perché alcuni ricambi li trovi solo originali! 

E arrivano in officina via Doc?
Da almeno dieci anni. Siamo diventati clienti soprattutto per la rapidità e la comodità della consegna, due volte al giorno. Dopo tanti anni apprezziamo il nostro promoter, Salva (Salvatore Alfinito, NdA), e la professionalità dei magazzinieri, perché lavorando su un marchio specifico sono competenti ed è più facile dialogare con loro.

Quindi tutto bene anche con le concessionarie?
Beh, di qualche concessionaria non sono tanto contento perché sulla parte tecnica non danno informazioni o le danno un po’ così. C’è chi ha detto addirittura: "voi nella mia officina non entrate". Sono casi, per fortuna, ma se mi arrabbio compro da un’altra parte.

Non sembra proprio uno che si arrabbia... Secondo lei perché il cliente sceglie Bi-Motors?
Dicono che hanno fiducia in noi e che siamo trasparenti.

Si comportano tutti bene o ve ne capitano in officina con il pezzo di ricambio in mano?
Pochissimi, saranno un uno per cento. In ogni caso, a parte che la tariffa oraria cambia, se arrivano con un pezzo non di qualità, che non rispetta i nostri standard, diciamo "no, grazie".

  • Da Ania-Polstrada i kit 'Street control'
    14 dicembre 2018 - Il 6,3 per cento del totale veicoli, con punte del 10 nel sud Italia, circola senza essere assicurato. È il dato allarmante - che riguarda 2,8 milioni di vetture - emerso al convegno nazionale 'La sicurezza stradale: tra esigenze di sicurezza, tecniche investigative e tutela amministrativa', organizzato a Cagliari dalla Polstrada. Da qui il protocollo...

  • Auto elettrica: allarme lavoro
    12 dicembre 2018 - Finora si è sempre parlato dei positivi effetti ambientali legati a un passaggio sempre più massiccio alla mobilità elettrica. Qualcuno però ha cominciato ora a considerare anche quali potranno essere le conseguenze per il mondo dell’industria automotive, e in particolare per quel che concerne l’occupazione. Ebbene...

  • Gomme online: ma l'Iva chi la paga?
    10 dicembre 2018 - Se si acquistano online pneumatici eccessivamente a buon mercato, è molto probabile che il venditore abbia evaso l'Iva. Lo rileva un articolo pubblicato sul Sole 24 Ore, a firma di Anna Abagnale e Benedetto Santacroce, che punta il dito su "certe pubblicità che accennano a vendite in regime di esenzione". Una "concorrenza sleale...

I cookie ci aiutano a fornire i nostri servizi. Utilizzando tali servizi, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. Informazioni OK