Claudio Sosio, Carrozzeria Adda:
"Adesso siamo veramente il top"

"Quanto dura"?, è la prima domanda che mi rivolge Claudio Sosio, titolare di 'Carrozzeria Adda' a Bormio (So). Il tempo, sempre tiranno per chi non ne ha mai abbastanza, ritornerà più volte nel corso dell'intervista: quando parleremo di auto d'epoca da restaurare, per esempio, e anche di Doc...

Un quarto d'ora, promesso. Mi racconta brevemente Carrozzeria Adda?
L’abbiamo fondata nel 1979 io e mio fratello Francesco. Sono titolare unico dal 2006, da quando Francesco ha lasciato, ma non sono rimasto solo. Lavorano con me i miei figli: Fabrizio, che ha 26 anni e ha frequentato la scuola professionale per carrozzieri a Bolzano, ed Edoardo, che ne ha 17 e quella scuola l'ha fatta a Bergamo. Ho anche due dipendenti.
La sede, di 800 metri quadrati coperti, è la stessa delle origini, però l'anno scorso l'abbiamo completamente rimodernata per diventare carrozzeria approvata Volkswagen.

Una scelta che ha portato più lavoro?
Abbiamo sempre lavorato tanto con il Gruppo Volkswagen, prima con Balgera e poi con Bonaldi, ma in generale il lavoro c'è sempre stato, non abbiamo mai tribolato. Siamo sui venti ingressi al mese, ripariamo un po’ di tutto, tranne le macchine a cui devi dire no se il loro valore è inferiore a quello della riparazione.
Facciamo anche meccanica legata al sinistro, quindi che riguarda la carrozzeria, e soccorso stradale. Restauro? Qualcosa in passato. Adesso ho qui un paio di vecchie 500 che diventeranno ancora più vecchie nella mia carrozzeria! Ho poco tempo…

La sua clientela di dov'è?
Ho clienti anche da Milano: ci avvisano prima e ci portano due macchine insieme. Il grosso però arriva da Bormio, ovviamente, e poi da Valdidentro, Valdisotto, Valfurva, Livigno…

Lavora anche in convenzione?
Io non volevo vincoli, e quando Auto Presto&Bene ci ha proposto di convenzionarci ho temporeggiato. Dicevo: lasciamo la gente libera di scegliere. Ma se non facevo la convenzione io la facevano altri... Ormai saranno dieci anni che lavoriamo con Auto Presto&Bene e anche con altre compagnie.

Che cosa monta?
Solo ricambi originali, a meno che il cliente sia ‘stirato’ al punto che non si riesce. C'è un motivo per cui scelgo l'originale: si lavora molto meglio e la macchina finita dà un altro risultato, non ci sono sfumature nella riparazione.

I ricambi arrivano in Via Milano con Doc?
Puntuali tutti i giorni. Anche prima di diventare clienti Doc ce li portavano, ma non tutti i giorni. Le concessionarie più vicine sono a Sondrio e con Doc il servizio è migliore e più veloce.
Oggi, dopo tanti anni, di Doc apprezzo la possibilità di lavorare con tutte le concessionarie della rete, che sono tantissime; apprezzo la comodità, perché faccio l'ordine in quella concessionaria e Doc prende lì il ricambio e me lo porta; e apprezzo Gianfranco (Muffatti, promoter di riferimento, NdA), che appiana le incomprensioni e riesce sempre a sistemare la situazione.

I magazzinieri li chiama o ordina via Integra?
Qualcosa via Integra, ma ordino soprattutto per telefono: perché mi spiego meglio con i magazzinieri delle varie concessionarie e mi mandano anche gli spaccati. I resi? Ne facciamo pochi, ci capiamo talmente bene al telefono… 

Si faccia pubblicità: in 'Adda' perché?
Perché ho una carrozzeria che è veramente al top. Ho dovuto fare degli investimenti - forno nuovo, piastrelle, attrezzatura Volkswagen - e ora ho tutto quello che ci serve.

  • Bimbi dimenticati in auto? Ti avvisa Tata
    15 ottobre 2018 - Non un vero e proprio seggiolino 'anti-abbandono' - per il quale si sta aspettando l'emanazione del decreto attuativo e della relativa normativa tecnica - ma un cuscino che si annuncia altrettanto efficace. Si chiama Tata ed è un dispositivo hi-tech realizzato dalla startup italiana Filo e presentato alla Maker Faire, la fiera degli artigiani...

  • Commerciali: a settembre crollano vendite
    12 ottobre 2018 - A seguito dei rallentamenti registrati nel mercato dei veicoli commerciali (autocarri con ptt fino a 3,5t) nel corso dell'anno 2018, anche a settembre il mercato dei veicoli da lavoro ha subito un vero e proprio crollo. Secondo le stime elaborate e diffuse dal Centro studi e statistiche Unrae, l'Associazione delle case automobilistiche estere...

  • Più revisioni nel primo semestre
    10 ottobre 2018 - Il numero degli autoveicoli revisionati nel primo semestre del 2018 è stato superiore a quello degli autoveicoli revisionati nello stesso periodo del 2017 (+0,4 per cento). Complessivamente gli italiani hanno speso 1,46 miliardi di euro, duecento milioni più di quanto speso nel primo semestre dell'anno scorso. Nel computo sono compresi i 502,9 milioni...

I cookie ci aiutano a fornire i nostri servizi. Utilizzando tali servizi, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. Informazioni OK