Chi siamo

Il Consorzio DOC Ricambi Originali prende forma nella primavera del 2004 per iniziativa di un gruppo di concessionari della provincia di Lecco.

A seguito di esigenze comuni, richieste di operatori del settore (officine e carrozzerie) e sulla scia di esperienze consortili già esistenti in altre regioni d'Italia, un primo gruppo di concessionarie (10 sono i soci fondatori) costituisce nel Marzo 2005 il consorzio DOC per la distribuzione dei ricambi originali agli operatori indipendenti. Nello stesso anno si aggregano concessionarie delle province di Como e Sondrio. Come ultimo tassello, nel maggio 2007, inizia l'attività anche la provincia di Monza e Brianza.

Il successo dell'idea, unito alle capacità imprenditoriali delle concessionarie associate, ha reso poderosa la crescita della struttura che conta oggi 22 furgoni addetti alla distribuzione e 10 promotori commerciali che offrono un'ampia gamma di servizi a più di 1.300 autoriparatori sparsi sul vasto territorio.

Lo scopo del consorzio DOC è quello di permettere alle migliori officine e carrozzerie di beneficiare di un servizio di consegna giornaliero preciso e puntuale di ricambi originali e garantiti di tutte le marche; di creare, insomma, una rete unita che aumenti competenza e professionalità a difesa del consumatore finale.

 

ORGANIGRAMMA

PRESIDENTE - Giorgio Boiani

CONSIGLIERI:

Asperti Giuseppe
Casati Marco
Cogliati Lorenzo
Glabusera Luisa
Negri Alberto
Peduzzi Marco
Penati Elio
Vanoni Marco
Villa Matteo
Vittani Lorena

  • Da Ania-Polstrada i kit 'Street control'
    14 dicembre 2018 - Il 6,3 per cento del totale veicoli, con punte del 10 nel sud Italia, circola senza essere assicurato. È il dato allarmante - che riguarda 2,8 milioni di vetture - emerso al convegno nazionale 'La sicurezza stradale: tra esigenze di sicurezza, tecniche investigative e tutela amministrativa', organizzato a Cagliari dalla Polstrada. Da qui il protocollo...

  • Auto elettrica: allarme lavoro
    12 dicembre 2018 - Finora si è sempre parlato dei positivi effetti ambientali legati a un passaggio sempre più massiccio alla mobilità elettrica. Qualcuno però ha cominciato ora a considerare anche quali potranno essere le conseguenze per il mondo dell’industria automotive, e in particolare per quel che concerne l’occupazione. Ebbene...

  • Gomme online: ma l'Iva chi la paga?
    10 dicembre 2018 - Se si acquistano online pneumatici eccessivamente a buon mercato, è molto probabile che il venditore abbia evaso l'Iva. Lo rileva un articolo pubblicato sul Sole 24 Ore, a firma di Anna Abagnale e Benedetto Santacroce, che punta il dito su "certe pubblicità che accennano a vendite in regime di esenzione". Una "concorrenza sleale...

I cookie ci aiutano a fornire i nostri servizi. Utilizzando tali servizi, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. Informazioni OK